N.A.M. – Note a margine

LA ROSA NERA

La rosa nera di Halfeti si chiama così perché cresce unicamente in un piccolo villaggio turco, Halfeti appunto, bagnato dall’Eufrate e abitato da poco più di 30.000 persone. Grazie al suo terreno e al pH dell’acqua del fiume che lo attraversa, la cittadina può dare ospitalità a queste splendide rose nere che nascono, in piccole quantità, una sola volta all’anno: la fioritura inizia in primavera, quando i petali assumono un colore rosso scuro, e termina in estate, quando invece sono neri. Niente ha a che vedere con i numerosi esempi di rose nere ottenuto per ibridazione, molto più diffuse.

Clicca qui per leggere il racconto!

 

ANT

La forza di una formica supera quello di un uomo di circa 25 volte. Le formiche sono tra i pochi animali capaci di organizzarsi per trasportare carichi molto più pesanti di un singolo individuo, e per sollevare e portare alla meta pesi “esagerati” mettono in campo lavoro di gruppo e iniziativa individuale: due “forze in perfetto equilibrio”, suggerisce uno studio pubblicato su Nature Communications. Se la maggior parte del gruppo si fa carico del grosso del peso, senza preoccuparsi della direzione, alcune formiche adempiono al ruolo di guida, stabilendo la strada da fare. Ma i capi non sono fissi né prestabiliti: ogni volta che una nuova formica meglio informata si aggiunge alla squadra, non ha bisogno di comunicare la propria presenza. Le basta strattonare nella direzione che sa essere quella giusta perché l’intero gruppo prenda a seguirla. Dopo 10-20 secondi, cede lo scettro del comando, a favore di un nuovo insetto con informazioni più aggiornate. Questo modello funziona meglio per gli oggetti di media dimensione, larghi circa 1 cm: per intenderci, quelli che si possono facilmente introdurre nell’ingresso di un formicaio. Quando il carico è molto più grosso, e la massa di formiche necessaria al trasporto, più ingente, gli insetti sentono più urgente bisogno di conformismo. L’iniziativa individuale si riduce, e l’oggetto è spostato su rotte dritte e lineari (fonte Wikipedia e National Geographic)

Clicca qui per vedere l’illustrazione!